• Rossella Della Valle

La casa sull'oceano




Angie En è il progetto che si interessa alle architetture pervase di sensualità e la storia che sto per raccontarvi non poteva passare inosservata.

romantica, fantasiosa, assurda per l'incoscienza dell'impresa ma proprio per questo anche poetica e ... ai sogni bisogna dare speranza!

Insomma quelle storie che hanno dell'incredibile e del "poco pratico" che le rendono assolutamente perfette per la nostra parte umana " imperfetta" Architettura Sensuale dunque, che aiuta a guardare in modo nuovo, con altri valori  vicini all'anima dell'inanimato:

architetture che ci trasmettono emozioni.
L'anima delle caseche ci accompagna e sostiene la nostra energia, nel vivere quotidiano. La casa sull'oceanoChiamata Serendipity  dalla gente del posto, la casa protagonista di questo articolo, nel 2009, rappresentava ormai un problema sia per i  proprietari e sia per la comunità di Rodanthe, sulla Hatters Island, nel North  Carolina. Costruita nel 1980, inizialmente distava oltre 120 metri dalla riva  dell’oceano, e i pali di sostegno erano fissati, per più di quattro  metri, con base in calcestruzzo.

"Ma come si può fermare  l'oceano?"

L’erosione costiera, aggravata anche dagli uragani, l' aveva portata praticamente  a mollo. Quando ormai tutte le speranze sembravano perdute, una coppia, a cui era piaciuto tantissimo il film Come un uragano ( girato nel 2008, nella casa, con Richard Gere e Diane Lane) si offrì di acquistare la casa e non solo: l’avrebbero spostata in un luogo più sicuro! Oggi  Serendipity,  diventata  locanda, è stata completamente ristrutturata, ha ancora una magnifica vista  sull’Atlantico, ma a distanza di sicurezza!
Siamo energia e intessiamo relazioni energetiche con tutto quello che ci circonda.
La storia dunque di un'anima inanimata e di come ha influenzato emotivamente tutti i cittadini che hanno lottato per salvarla … "il loro pensiero dopo ogni uragano che si affliggeva, andava a lei … e quando è stata trasportata via, la città si è "fermata" per accompagnarla"

Un'architettura che ha saputo intenerire, emozionare, e mandare anche un forte messaggio:

1)far riflettere sul degrado delle nostre città, causato dagli edifici fantasma, fatiscenti, che spesso hanno avuto passati gloriosi, ma che interessa salvare. Preferendo sempre più nuove costruzioni, forse "luccicanti",più economiche? ... senza storia, senz' anima, senza poesia


"e dalla veranda, ogni notte, si osservano la Luna e l’Oceano che continuano a baciarsi… (dall'articolo di Annalisa Lo Monaco)" A discapito della salvaguardia di un valore inestimabile comune: il paesaggio.

2)Far riflettere che, creando contesti di degrado urbano, porta al disvalore di ogni singolo immobile, visto anche come investimento  patrimoniale.



Rossella Dellavalle






0 visualizzazioni

Angie En   info.angieen@gmail.com  ©2016 Tutti i diritti riservati

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now