• Rossella Della Valle

L'Architettura ... accende




Oggi presento Convegno del 20 Aprile 2018 ad Aosta

"L'eros nell'Architettura"


Organizzato da INBAR , l'associazione che si occupa di Bioarchitettura a livello Nazionale, con l'architetto Barbara Binda, curatrice ufficiale del Convegno, e l'architetto Ivano Verra presidente.

La bio architettura ha a cuore di preservare il benessere dell'ambiente e dell'uomo, ponendoli in relazione, come un unico organismo. Per far star bene uno, bisogna necessariamente, che questo connubio simbiotico venga rispettato.

Il pioniere del concetto di Bio architettura, Friedensreich Hundertwasser,artista e architetto poliedrico austriaco, nato nel 1928, aveva già scritto un trattato contro il movimento Razionalista, intitolandolo "La prepotenza della linea retta", ribadendo la centralità dell'ambiente naturale come fonte di ispirazione.

"in natura non esistono volumi geometrici o superfici piane, né tanto meno linee o angoli retti ... elementi sterili che intristiscono la volontà e generano depressione"

Il mio pensiero è vicino al suo: il linguaggio delle forme, dei colori e dell'acqua, (che lui amò molto, portandola anche nel suo nome "cento acque") come generatori dell'energia fondamentale


"Se noi costruiamo gabbie dove vivere, il primo a soffrirne sarà lo spirito" 


"la mia" Angie En - Architettura Sensuale,

che presenterò, al Convegno, fornisce una nuova chiave di lettura dell’architettura e delle città: usa il linguaggio primitivo, quello del corpo:

il corpo come “generatore” dell'ambiente: nel modo di abitare che è il modo dell'abitarsi.

Oggi parliamo molto di benessere dell'essere in quanto umano. E la sessualità è una sua componente fondamentale.


Partendo dalla bioarchitettura: architetti,  ingegneri, psicologi e studiosi dell'arte, affronteranno il tema del "l'eros nell'Architettura".Argomento delicato, che, purtroppo il più delle volte viene ancora considerato "non degno", se non accompagnato dall'idea di "amore romantico". Eppure quello che viviamo nella quotidianità dovrebbe invece parlare di rispetto e dell'amare se stessi.


La sessualità è uno scambio di energia tra le più potenti.

E il concetto antico di eros è spesso associato all'attrazione sessuale ma anche, inteso come forza che tiene uniti elementi diversi e talora contrastanti senza arrivare ad annullarli.


Oggi, più che mai, abbiamo bisogno che l' architettura parli questo linguaggio. Per poter creare nuove vie per la comprensione tra le due energie vitali: maschile e femminile, che da sempre hanno difficoltà, con il linguaggio delle parole, ma trovano invece armonia sui piani comunicativi sensoriali.


L'architettura mi accende in un altro modo ... E voi avete voglia di scoprire come l'architettura può aiutarci in tutto questo?


Per info sul Convegno

                                                                                     Rossella Dellavalle

Angie En   info.angieen@gmail.com  ©2016 Tutti i diritti riservati

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now